Quantcast

Coronavirus, sindaco di Edolo è ancora positivo da due mesi

Dopo sette tamponi effettuati, il primo cittadino camuno Luca Masneri è ancora in isolamento dai primi di marzo.

(red.) Nei giorni precedenti a mercoledì 6 maggio erano emersi a livello nazionale dei casi molto rari di chi aveva contratto il Covid-19 e risultava positivo anche dopo diversi tamponi effettuati e a distanza addirittura di due mesi. Due casi del genere, tra i quattro esistenti in provincia di Brescia, si registrano in Valcamonica, nel bresciano e di cui dà notizia il Giornale di Brescia. Dei due, il caso più eclatante è quello del sindaco di Edolo Luca Masneri che al settimo tampone effettuato risulta ancora positivo.

Il primo cittadino, in isolamento in casa da quasi due mesi, aveva avuto la febbre all’inizio di marzo e, sottoposto al test, si era visto confermare di avere in corpo il coronavirus. Ma ora nel doppio tampone che viene eseguito per capire se il virus si è lasciato alle spalle ci sono ancora elementi di positività. Tuttavia, le condizioni di salute dell’amministratore sono buone e ora la sua posizione è al vaglio dell’ospedale Civile di Brescia. In ogni caso il virus, pur presente, avrebbe ridotto la carica contagiosa ai minimi termini.

E in una situazione simile c’è anche il sindaco di Cedegolo Andrea Pedrali che lo scorso 12 marzo era stato ricoverato in ospedale per febbre e difficoltà respiratorie e poi dimesso. Anche lui è in attesa di un altro tampone per certificare che non sia più positivo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.