Berzo Inferiore, piazza tre reti per uccelli: denunciato

L'uccellatore sperava di non essere sorpreso contando il fatto che in giro anche in valle c'erano meno persone.

(red.) Ha colto l’occasione del fatto che in zona sono presenti meno persone proprio per rispettare le misure di contenimento dal contagio del virus, per piazzare delle reti da uccellagione. E’ successo a Berzo Inferiore, in Valcamonica, nel bresciano, dove un cacciatore di 46 anni residente in un altro paese della valle aveva raggiunto le vicinanze del torrente Grigna.

Qui ha posto tre reti per una lunghezza totale di 30 metri, ma durante quell’operazione è stato sorpreso dai carabinieri forestali della stazione di Breno. Infatti, i controlli non riguardano solo le strade, ma anche le campagne e le aree di montagna per evitare assembramenti e uscite senza motivo. L’uomo è stato denunciato per uccellagione e aver violato le disposizioni del Governo per evitare di uscire di casa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.