Piancamuno, serve alcol ai minori: sanzionato titolare bar

Sabato sera un controllo dei carabinieri ha portato a scoprire quattro minori che si erano fatti servire vodka.

(red.) L’alcol consumato tra i minorenni resta sempre di più una piaga difficile da estirpare, soprattutto se anche i baristi e titolari di esercizi commerciali si mostrano compiacenti nel servire cocktail che ai minori sono vietati dalla legge. In questo scenario, nel fine settimana appena trascorso tra sabato 8 e domenica 9 febbraio i carabinieri bresciani della stazione di Artogne hanno controllato un locale pubblico frequentato da giovani, anche minori.

Alcuni genitori si erano presentati in caserma per segnalare proprio il sospetto che i loro figli abusassero di alcol nel fine settimana. E nel corso di quell’ispezione sono stati identificati in un discobar a Piancamuno circa 150 clienti.

Verificati tutti i documenti e le autorizzazioni, i militari hanno scoperto e identificato quattro minori ai quali era stata servita della vodka. Si è poi appurato che gli addetti dietro il bancone non avevano controllato i documenti dei quattro giovani. Per il titolare è arrivata quindi una sanzione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.