Fuori strada mortale a Rogno (Bg), mercoledì il funerale

Procura di Bergamo ha subito archiviato inchiesta. Domani ultimo saluto per Matteo Simonetti a Capo di Ponte.

(red.) Nelle ore precedenti a martedì 11 febbraio è già arrivato il nulla osta per il funerale di Matteo Simonetti, il 27enne bresciano di Capo di Ponte morto sul colpo in un incidente stradale all’alba di domenica 9 in via Nazionale a Rogno, in provincia di Bergamo. Il magistrato ha deciso di non sottoporre la salma all’autopsia, ma solo di prelevare alcuni tessuti biologici per capire se il giovane avesse bevuto troppo prima di mettersi alla guida della sua Alfa Mito.

Quella notte, poco prima delle 5,30, è stato confermato come il ragazzo abbia deciso di compiere un’inversione di marcia nel momento in cui aveva notato una pattuglia dei carabinieri impegnata nei consueti controlli. Matteo, che forse aveva bevuto più del consentito e si era visto ritirare la patente per tre volte in sei anni aveva deciso di evitare quel nuovo incontro con le forze dell’ordine. Ma nel rientrare aveva perso il controllo uscendo di strada contro un lampione e poi ribaltandosi sull’asfalto.

Il 27enne aveva perso la vita sul colpo, mentre i tre amici di Sellero che erano con lui sono rimasti feriti. Il più grave, un 18enne, resta ricoverato in prognosi riservata ma non è più in pericolo di vita. Sull’incidente la procura di Bergamo aveva aperto un’inchiesta, ma il caso è stato subito archiviato.

Ora è il momento del dolore per i familiari e amici del 27enne la cui salma è stata portata nell’abitazione di via Sentieri a Capo di Ponte, dove è allestita la camera ardente. Stasera, martedì 11, alle 20 ci sarà una veglia e domani, mercoledì, dalle 14,30 il funerale nella parrocchiale di Capo di Ponte. Attestati di cordoglio sono arrivati anche dai componenti del Boxing Club Valcamonica di Sarnico che Matteo frequentava.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.