Breno, “decapitata” la Madonna sulla ciclabile di Spinera

Ieri mattina qualcuno ha notato la statua senza testa e in posizione precaria. E' l'ennesimo episodio sul posto.

(red.) Non vogliono proprio lasciare in pace quella statua. Succede a Breno, in Valcamonica, nel bresciano, dove ieri mattina un passante che si muoveva lungo la pista ciclabile in località Spinera ha notato che la scultura di una Madonna di Lourdes, acquistata proprio nel paese francese dal Gruppo Volontari del Sorriso e benedetta, era stata “decapitata”.

All’effige, infatti, mancava la testa che qualche vandalo ha danneggiato forse a colpi di sassi o con un bastone. E non solo, perché gli stessi autori avrebbero anche tentato di rimuovere la statua dalla sua posizione ricavata in una nicchia. C’è da dire che si tratta della seconda statua di una Madonna, visto che prima di questa, nel 2010, ne era stata posta un’altra.

Ma anche quella era rimasta vittima di una serie di episodi di vandalismo tra il taglio delle mani, danni al corpo centrale e infine la testa danneggiata. Una situazione che aveva spinto a rimuoverla, ma in seguito altri volontari ne hanno piazzato una nuova che evidentemente non è rimasta indenne.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.