Breno dà l’ultimo saluto a Sandro Farisoglio. Sarà lutto cittadino

Sul feretro sono stati posti la fascia tricolore da sindaco e il casco dei vigili del fuoco di cui era volontario.

(red.) Quello di oggi, venerdì 17 gennaio, sarà un giorno di lutto e di dolore a Breno, nel bresciano, così come in tutta la Valcamonica e nel cuore di quegli amministratori pubblici e personalità che lo hanno conosciuto. Oggi pomeriggio alle 15 nel Duomo di Breno sarà celebrato il funerale di Sandro Farisoglio, il presidente della Comunità montana e del Bim deceduto nella notte tra mercoledì 15 e ieri, giovedì 16 gennaio, all’ospedale di Esine dove era stato ricoverato lo scorso 31 dicembre. E a toglierlo alla vita è stato un male che due anni fa gli era stato diagnosticato affaticandolo nel corso del tempo, ma senza mai farlo demordere nelle sue attività di lavoro.

E’ morto a 39 anni, di cui dieci trascorsi come sindaco del suo paese, Breno, per due mandati consecutivi dal 2009 al 2019. E lo scorso agosto era stato eletto presidente dell’ente comprensoriale camuno e del Bacino imbrifero montano della valle. L’amministratore lascia la moglie Elena e la figlia piccola Emma di soli 2 mesi e intorno alla famiglia si è stretta una grande comunità. Nel corso delle ultime ore sono arrivate decine di attestati di cordoglio da parte di chi conosceva e aveva lavorato con Farisoglio.

Da ieri mattina, giovedì, la camera ardente è allestita nella chiesa di Sant’Antonio di Breno ed è incessante il mesto pellegrinaggio di chi lo ha voluto salutare per l’ultima volta. Sul feretro sono stati posti la fascia da sindaco e amministratore, oltre al casco dei vigili del fuoco, corpo di cui il 39enne faceva parte come volontario. E oggi pomeriggio saranno proprio i pompieri a portare la bara in Duomo per il funerale. Il Comune di Breno ha dichiarato il lutto cittadino dalle 8 alle 20 e nel pomeriggio tutte le attività commerciali saranno chiuse, mentre il centro del paese sarà interdetto al traffico.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.