Berzo Demo, incendio nella notte distrugge il rifugio Loa foto

I vigili del fuoco solo stamattina sono riusciti a domare l'incendio. Fatto di tutto per evitare di colpire i boschi.

(red.) E’ un disastro. Sono le prime dichiarazioni che giungevano a caldo ieri sera, lunedì 6 gennaio, a Berzo Demo, in Valcamonica, nel bresciano, dove il rifugio Loa appena ristrutturato è andato in fumo a causa di un vasto incendio (foto dai vigili del fuoco). Si tratta di un edificio rinnovato da poco tempo in Valsaviore e che gode anche di materiali particolari che lo avevano reso un rifugio attivo nei periodi di alta stagione per i turisti. Ma ieri sera, per cause ancora da accertare e sulle quali solo oggi, martedì 7 gennaio, si potranno avere informazioni, il rogo è divampato all’interno della struttura disposta su tre piani.

Fino a questa mattina all’alba sul posto sono state impegnate diverse squadre dei vigili del fuoco da Edolo, Darfo Boario, Breno, Vezza d’Oglio e Brescia. Le fiamme, che hanno raggiunto anche il tetto, hanno lasciato un edificio carbonizzato e con all’interno gli arredi andati distrutti. Sul posto durante le operazioni di spegnimento si è mosso anche il sindaco Giambattista Bernardi, amareggiato per un edificio di bella presenza e coinvolto dalle lingue di fuoco.

Oltre alla struttura, gli operatori antincendio hanno lavorato anche per evitare che il rogo raggiungesse i boschi confinanti e rischiasse di provocare un danno ancora più ingente. Proprio il vento che soffiava ieri in quelle ore in valle avrebbe spinto l’incendio verso le aree boschive e reso ancora più complicato il lavoro dei vigili del fuoco. In questo periodo l’edificio è chiuso per la stagione e questa mattina del bellissimo rifugio era rimasta solo la carcassa annerita. Nella giornata di oggi continueranno le operazioni di bonifica e si accerteranno le cause delle fiamme.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.