Ome, capra macellata abusivamente

La scena sarebbe stata fotografata da una residente, che avrebbe anche ricevuto minacce verbali dai tre uomini che stavano sgozzando l'animale. Indagano i carabinieri e le autorità sanitarie.

Più informazioni su

Ome. Una misteriosa storia di macellazione clandestina sulla quale stanno indagando i carabinieri e le autorità sanitarie di Ats Brescia si sarebbe verificata a Ome, dove una capra è stata sgozzata viva e poi decapitata all’aperto, non lontano dalle abitazioni.
L’animale è stato fatto a pezzi con una mannaia e con i coltelli da tre uomini, due stranieri e uno del posto.
Una donna che risiede nella zona e che, attratta dai belati dell’animale sacrificato, ha potuto parzialmente assistere alla scena filmandone e fotografandone anche alcuni aspetti, sarebbe stata verbalmente minacciata dal terzetto di macellai abusivi e ha denunciato il fatto ai carabinieri, che hanno avviato le indagini. La vicenda è stata raccontata dal quotidiano Bresciaoggi.
La carcassa della capra, una volta fatta a pezzi, è stata fatta sparire caricandola su un furgone. La macellazione clandestina è un reato grave, punito dalla legge italiana.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.