Quantcast

Tra musica e pittura: atmosfere psichedeliche al circolo di Iseo

(red.) Domenica 5 dicembre alle 15,30, il Circolo dei Lavoratori di Iseo organizza “Sette bicchieri quasi uguali. La vita psichedelica di Titta Colleoni”, pomeriggio di letteratura, musica e pittura nel segno dell’improvvisazione, con i musicisti Titta Colleoni, Boris Savoldelli, Alessandro Ducoli e il pittore Bruno Zoppetti.
L’incontro è dedicato al musicista bergamasco, tra i protagonisti della scena Progressive italiana, che ha collaborato con i grandi della musica italiana, Lucio Dalla, Edoardo Bennato, Franco Battiato, PFM.
Si inizia con la presentazione di “Sette bicchieri quasi uguali” (Edizioni Latakia), biografia dove Colleoni si racconta al cantautore bresciano Alessandro Ducoli: un dialogo a tre voci tra Ducoli, Colleoni e Luca Patelli.
A seguire si potranno rivivere le atmosfere psichedeliche dei club americani e londinesi della fine degli anni ‘60, con l’improvvisazione musicale di Colleoni e Boris Savoldelli e l’estemporanea del pittore Bruno Zoppetti.
Si ripresenta infatti una esperienza che era in uso fare negli anni a cavallo tra i ‘60 e i ‘70, tra sperimentazione e improvvisazione.
Da una parte Colleoni (sintetizzatore) e Savoldelli (voce ed elettronica), dall’altra Zoppetti con colori e pennello, in uno scambio artistico di linguaggi e suggestioni.
Nel tempo del concerto – circa 50 minuti – Zoppetti realizzerà un quadro ispirato alla musica ascoltata.
Si può anche pranzare al Circolo (ore 13, menu: crostini con salse, spalla salata, porchetta con fagioli all’uccelletto, 1/4 di vino o birra piccola, acqua e caffè, 20 euro. La porchetta con fagioli si può avere anche da asporto, 12 euro).
L’iniziativa coincide con il finissage della mostra “Il mondo di Boris” di Bruno Zoppetti.

Chi partecipa al pranzo avrà la possibilità di vedere i quadri per l’ultimo giorno.
La partecipazione è libera con presentazione di Green Pass. I posti sono limitati, si consiglia di prenotare al più presto al numero 3792785877. Informazioni alla pagina facebook @circololavoratorioseo.

TITTA COLLEONI E IL LIBRO
È nato il 23 settembre 1942 a Suisio, in provincia di Bergamo. Seguendo un percorso che lo ha portato dalla provincia rurale ai concerti sui più importanti palchi italiani, è diventato uno dei protagonisti di quella scena Progressive tricolore che è stata – e rimane – esempio e ispirazione per generazioni di musicisti.
Nelle pagine di “Sette bicchieri quasi uguali” di Alessandro Ducoli si racconta con sincerità, senza nascondere nulla; fra incontri e successi, insuccessi, fratture ed eccessi. La storia di una vita che ha dell’incredibile si snoda come una chiacchierata al bar fra buoni amici e buoni bicchieri. Quasi uguali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.