Quantcast

Iseo, “bruciano” l’alt e provocano un incidente: tre in manette

Arrestato il conducente della vettura che ha forzato il posto di blocco e causato un sinistro sulla Sp510. Espulsi i due passeggeri che viaggiavano con lui, risultati clandestini.

Più informazioni su

(red.) Sono 840 le infrazioni al Codice della strada elevate dalla polizia stradale di Brescia nel corso della settimana appena conclusa, di cui 42 per mancato uso delle cinture di sicurezza, 70 per uso del telefono cellulare durante la guida e 15 positivi all’alcool-test, 44 gli incidenti rilevati, di cui uno con esito mortale.

Durante uno di questi controlli, nella serata di domenica 17 ottobre, sulla Sp 510, nel Comune di Iseo, una pattuglia del Distaccamento di Iseo ha intimato l’alt ad una vettura con a bordo, oltre al conducente, altre due persone.

In un primo momento il conducente del veicolo si è fermato regolarmente nella piazzola di sosta segnalata dagli agenti, ma è poi repentinamente ripartito tentando di investire i poliziotti che si stavano avvicinando per il controllo e che fortunatamente sono riusciti a mettersi al riparo.

Visto che la via di fuga era bloccata dal terzo poliziotto che era rimasto a bordo del veicolo di servizio, la vettura ha effettuato un’inversione a U imboccando la provinciale contromano e causando un sinistro con un’altra automobile che procedeva regolarmente nel proprio senso di marcia.

Le tre persone a bordo, due 20enni ed un 30enne, hanno tentato allora la fuga a piedi, ma sono state raggiunte e bloccate dal personale di Polizia che ha riportato delle lesioni durante il fermo.

Al conducente, privo di patente, sono stati sequestrati 1,6 grammi di cocaina. I tre sono stati quindi arrestati per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Inoltre sono stati denunciati per lesioni, violazione delle norme sull’immigrazione e fuga ed omissione di soccorso a seguito di incidente stradale.

Il Giudice del Tribunale di Brescia, nel convalidare gli arresti, ha disposto i domiciliari per il conducente e il nulla osta all’espulsione per i due passeggeri in quanto irregolari sul territorio nazionale.

La Questura di Brescia ha accompagnato i due soggetti presso i Centri di Permanenza per il Rimpatrio di Torino e Milano per dare esecuzione ai provvedimenti di espulsione dal territorio nazionale emessi dal Prefetto di Brescia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.