Quantcast

Iseo, lago invaso da alghe: super lavoro per il battello spazzino

Più informazioni su

(red.) C’è un’invasione verde nelle acque del lago d’ Iseo: si tratta dell’alga infestante Lagarosiphon che ha “sostituito” la meno tenace Valisneria, ospite abituale del Sebino.

Di fronte al porto di Clusane, infatti, l’infestazione da piante acquatiche sta diventando un problema, costringendo il battello spazzino ad un super lavoro di pulitura. Una situazione che ripresenta ogni anno, durante la stagione estiva, ma che appare di difficile risoluzione.

Si tratta infatti di una problematica che investe diversi aspetti:  quello turistico (minore attrattibilità dello specchio d’acqua), sia di sicurezza che di equilibrio dell’ecosistema acquatico.

L’alga è funzionale alla sopravvivenza dei pesci più piccoli perchè permette loro di nascondersi dai predatori, ma, quest’anno, a causa del repentino abbassamento del livello del lago nel mese di luglio per consentire le irrigazioni, la Lagarosiphon ha preso il sopravvento, diventando molto infestante.

Per contenerla si è provveduto alla sfalcio, riducendo l’altezza della pianta che, comunque, è funzionale alla fauna lacustre, ma la cui presenza è fonte di critiche per lo spettacolo che offre: rappresenta un problema “olfattivo” (l’acqua si ossigena di meno e le alghe producono olezzo), ma pure di sicurezza e visibilità per chi si immerge nelle acque del Sebino.

Regione Lombardia, ad inizio agosto, aveva annunciato una serie di stanziamenti straordinari per la cura dei laghi bresciani (Iseo, Endine, Moro), mettendo a bilancio un milione e 400mila euro per l’ambiente e 990mila per i battelli spazzini.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.