Quantcast

Montorfano, ai nastri di partenza il raduno d’ auto d’epoca

Più informazioni su

(red.) La 16esima Edizione del Raduno per Auto d’Epoca è ai nastri di partenza.
Radio Montorfano e il Club Auto d’Epoca in Franciacorta organizzano il 12 settembre (dopo lo stop causato dalla pandemia nel precedente anno) la 16esima edizione della manifestazione automobilistica, nella cornice della terra e dei vigneti di Franciacorta.

La prima edizione del raduno è nata nel 2005 grazie ad un appassionato di motori, Ivan Archetti, patron della manifestazione. Iniziativa nata senza pretese ma con l’obiettivo di coinvolgere appassionati di auto particolari di tutte le epoche che, di anno in anno, ha accresciuto l’interesse e la partecipazione di equipaggi, non solo dalla Lombardia e dal bresciano.

Nel 2019 l’evento ha anche avuto il Patrocinio della Commissione Europea  e, negli anni, anche dal Ministero dell’Interno. Il 2021 si pregia del patrocinio del Ministero della Cultura e della Commissione Europea, della Provincia di Brescia, di Regione Lombardia, e di circa 30 Comuni della provincia bresciana, ma anche da enti come il Consorzio Franciacorta,  la Camera di Commercio, il Musical Watch Veteran Car Club di Brescia, APIndustria, Coldiretti,  Confartigianato Lombardia, CNA Brescia, Fidal Lombardia.

In pista oramai da oltre tre lustri, l’evento ha finalità benefiche che, grazie alle donazioni dei sostenitori, hanno permesso alle Suore Adoratrici di Rivolta d’Adda di continuare l’ampliamento di un villaggio a Marsassoum, in Senegal, con alloggi per i bambini orfani (ne sono ospitati all’incirca una novantina) e la costruzione di pozzi per l’acqua.

Altri enti beneficiari sono stati: l’Associazione Nati Per Vivere, l’Azienda Ospedaliera Mellino Mellini di Chiari per il progetto sulla prevenzione dei tumori femminili, l’Associazione Nessuno è Perfetto, il Comune di Rovato per la creazione di voucher lavoro, il reparto pediatrico degli Spedali Civili di Brescia, il Comune di Chiari (grazie alla donazione di un defibrillatore) e l’Associazione Volontari Alpini di Pronto Soccorso – Bornato Onlus.

Tra gli storici amici della manifestazione, personaggi come Alex Caffi, ex pilota di Formula 1, o di Leonardo Fioravanti, il designer della Ferrari che ha creato alcune tra le più belle berlinette di Maranello, dalla 250 LM (vettura di Le Mans omologata stradale), alla 288 GTO, 365 GTB4 BB, alla 308 GTB fino alla mitica F40.

Nel corso degli anni la partenza della manifestazione è sempre stata dalla sede della storica Villa Mazzotti di Chiari: l’organizzazione è al lavoro per definire percorso, programma ed eventi culturali eventualmente correlati a questa nuova edizione.

Le autovetture d’epoca saranno selezionate per garantire agli appassionati una visione più completa e raffinata del panorama automobilistico mondiale.

Dopo la partenza gli equipaggi affronteranno le curve ed i sali-scendi delle colline e dei vigneti e visiteranno cantine e luoghi di interesse storico. Da qui si percorrerà la Strada del Vino Franciacorta per scoprire le svariate opportunità che questa zona, da sempre vocata alla viticoltura e situata tra il lago d’Iseo e la città d’arte di Brescia, può offrire.

Salvo cambiamenti, questo il programma della manifestazione: ritrovo alle 8 a Villa Mazzotti a Chiari, con assegnazione bolloni, caffè di benvenuto e gadget, a seguire la Prova Chrono (direzione Villa Savoldi- Cantina Pietra Luce) con degustazione Franciacorta, passeggiata tra i vigneti della Franciacorta e direzione ciclopedonale  (Vello-Toline concessa dal Comune di Marone) e prove Chrono con passaggio e sosta sul LungoLago di Iseo e,  infine, pranzo presso il Ristorante Santa Giulia di Corte Franca.

Per consultare sia le passate edizioni sia quella in fase di allestimento è possibile consultare: www.radiomontorfano.it e www.autodepocainfranciacorta.it e su tutti i social collegati.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.