Quantcast

Frana Tavernola: 1,5mln per la messa in sicurezza

Lo stanziamento del Pirellone per monitorare e stabilizzare Monte Saresano. Collaborazione con le università di Milano e Firenze per trovare soluzioni.

Più informazioni su

(red.) Regione Lombardia mette a disposizione 1,5 milioni di euro per la progettazione relativa alla messa in sicurezza del Monte Saresano nel comune di Tavernola Bergamasca.

Lo ha comunicato l’assessore al Territorio e protezione civile, Pietro Foroni, che ha annunciato un emendamento all’assestamento di bilancio al voto in una delle prossime sedute di Consiglio regionale.

Si tratta di fondi regionali che verranno successivamente appaltati dall’autorità di bacino del Lago d’Iseo per risolvere il problema della minaccia di frana sul bacino lacustre. E’ quanto è stato illustrato nella riunione di giovedì a cui hanno partecipato i sindaci dei territori interessati dal fenomeno franoso e altri rappresentanti di autorità locali e degli enti interessati dall’emergenza.

“La situazione – rassicura l’assessore al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni – è sotto controllo. Gli studi per la salvaguardia delle popolazioni colpite non si sono mai fermati e continuano tuttora con attività di monitoraggio. Tra questi, il progetto finanziato da Regione Lombardia con 60 mila euro, realizzato con l’Università Bicocca e il Politecnico di Milano, insieme all’Università di Firenze. Da considerare anche i diversi piani di emergenza di Protezione civile, redatti con il supporto delle comunità montane e da attuare in caso si arrivasse davvero all’emergenza”.

Lo studio di approfondimento, necessario per individuare la specifica zona di rischio, ha quindi dato l’opportunità di definire i primi interventi attraverso l’utilizzo di tiranti. Attenzione verrà prestata anche alla collaborazione tra i Comuni e le forze dell’ordine in caso di eventuale allerta per mettere in atto azioni condivise atte alla tutela delle popolazioni coinvolte.

“Questi fondi stanziati da Regione, – ha aggiunto l’assessore – sono la dimostrazione che lo studio di approfondimento sin qui attuato avrà seguito immediato relativamente all’opera per la messa in sicurezza del monte Saresano che verrà realizzata una volta definito il progetto esecutivo. Un risultato che si aggiunge agli altri interventi messi in campo da Regione Lombardia fin dall’inizio dell’emergenza per andare incontro alle popolazioni colpite dal fenomeno franoso”.

“Regione Lombardia – ha ricordato Foroni – ha infatti messo a disposizione risorse finanziarie necessarie per affrontare le prima attività di prevenzione: 585 mila euro, di cui 100.000 euro per le attività di monitoraggio e l’acquisto di strumentazioni per l’emergenza, 50.000 euro alle Comunità Montane dei laghi bergamaschi e del bresciano per l’aggiornamento dei piani d’emergenza, oltre a 250.000 euro per il potenziamento delle difese dalla caduta massi, 100.000 euro per la sistemazione della strada di collegamento per Parzanica e 15.000 euro per lo studio sugli effetti dell’eventuale onda di piena”.

“Un atto – ha concluso l’assessore – che mette in luce l’estrema attenzione di Regione Lombardia nei confronti dei comuni e degli enti coinvolti nel fenomeno franoso per salvaguardare, in primis, l’incolumità degli abitanti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.