Quantcast

Monte Isola, il 30 luglio omaggio a Giorgio Gaber di Luca Maciacchini

Più informazioni su

(red.) Venerdì 30 luglio il Festival dei laghi lombardi ospiterà a Monte Isola (BS) l’omaggio a Giorgio Gaber di Luca Maciacchini in Ciao Signor G.
Giorgio Gaber è un cantautore che ha saputo coniugare teatro e canzone a favore di un messaggio forte e critico nei confronti della società del proprio tempo. La selezione dei brani verte sul repertori degli spettacoli di  Gaber degli anni ’70,’80 e ’90, da “Il signor G” passando per “Dialogo tra un impegnato e un non so”, “Libertà obbligatoria” fino ai più recenti “E pensare che c’era il pensiero” e “Un’idiozia conquistata a fatica” ; si vuole infatti ricordare il Gaber intrattenitore, che mosse i primi passi in trasmissioni televisive come “Il musichiere”, “Senza rete” dando così rilievo a una forma antesignana del moderno cabaret musicale anticipando però in luce alcune tematiche scottanti di attualità che solo dopo sarebbero emersi in una denuncia sempre più severa dei mali del nostro tempo.

E d’altra parte, si vuole dare anche risalto attraverso questa rivisitazione del personaggio e delle sue canzoni, all’aspetto ironicamente incisivo sulla realtà quotidiana anche nei suoi aspetti più intrinsecamente “politici” di Gaber, anche nell’intento di recuperare e tenere vivo un messaggio ingiustamente snobbato per troppo tempo da un certo tipo di pubblico, ma a nostro avviso “vitale” per il destino dell’ uomo che non rinuncia a una coscienza critica e, per dirla con Gaber e Luporini, “anche suo malgrado, vuole vivere”.

L’appuntamento si inserisce nella programmazione del Festival che prosegue fino al 25 settembre per un totale di 22 date in 9 laghi annessi – Garda, Maggiore, Lario, Iseo, Varese, Ceresio, Annone, Garlate, Mantova. Una vastissima zona d’acqua dolce che unisce ben 6 province lombarde – Mantova, Brescia, Varese, Como, Lecco, Sondrio – ed altre due regioni confinanti: il Vco piemontese e la vicina Confederazione Elvetica.

Il Festival è diretto da Francesco Pellicini con il patrocinio di Regione Lombardia e il sostegno dei Comuni e dei teatri partecipanti. Le scenografie a tema lago sono di Italo Corrado (www.italocorrado.it). Prenotazione obbligatoria contattando l’ufficio Cultura del Comune ospitante.

anas bresciane

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.