Quantcast

Pisogne, bevono dal “punto acqua” in stazione: malore per due ciclisti

E' successo ieri: i due portati in ospedale a Lovere. Prelevati campioni di acqua dalla fontana appena riaperta.

(red.) Nella giornata di ieri, domenica 20 giugno, si è reso necessario l’intervento dei carabinieri e dei soccorsi a bordo di un’ambulanza a Pisogne, sull’alto Sebino, nel bresciano, a causa di due ciclisti che hanno accusato un malore. Si parla di due persone di 55 e 73 anni che, come riporta Bresciaoggi, mentre percorrevano le strade in bicicletta hanno raggiunto la stazione ferroviaria per godere di una pausa, approfittando anche di un “punto acqua” per dissetarsi. Tra l’altro, questi punti di erogazione di competenza provinciale sono stati riattivati da poco tempo dopo un anno e mezzo di pandemia, visto che il loro accesso avrebbe potuto provocare assembramenti.

Tuttavia, l’acqua di quel distributore aveva un pessimo odore e tanto che i due ciclisti hanno accusato un malore. Per questo motivo sono stati avvisati i carabinieri e anche i soccorritori per assistere i due sfortunati turisti del ciclismo. E tra le ipotesi c’è anche la possibilità che proprio la lunga chiusura del punto acqua abbia portato a far depositare del materiale che ha provocato il cattivo odore. Di questo ha vissuto sulla propria pelle uno dei ciclisti che ha accusato problemi di stomaco.

I due sono stati condotti all’ospedale di Lovere per accertamenti, mentre i tecnici dell’Ats della Montagna hanno prelevato dei campioni di acqua dalla fontana incriminata. Lo stesso anche per gli altri “punti acqua” della zona che non hanno fatto rilevare disagi. In ogni caso, non ci sarebbero stati problemi di contaminazione, mentre i militari si sono occupati di tenere lontani quanti avrebbero potuto e voluto approfittare di quella fontana in una giornata calda e afosa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.