Quantcast

Iseo, furto notturno all’oratorio: spariti 4 mila euro dalla cassaforte

Il colpo nella notte di sabato. Spariti i soldi delle iscrizioni ai grest e degli atleti alla prossima stagione sportiva.

(red.) Nella notte tra sabato 19 e ieri, domenica 20 giugno, l’oratorio don Bosco di Iseo, in viale Repubblica, nel bresciano, è finito nel mirino di una banda di malviventi che probabilmente aveva studiato il colpo in ogni minimo dettaglio. A partire già dall’orario: il bar e il centro di aggregazione erano stati chiusi alle 23,30 e i ladri sono entrati in azione circa mezzora dopo. Il gruppo criminale ha prima forzato una porta d’ingresso al piano terra, poi si è fatto strada verso il primo piano dove evidentemente i componenti della banda sapevano che si trovava la cassaforte.

Qui hanno praticato un buco nella parete per avere accesso al forziere, che hanno rimosso in qualche modo dalla sua base, per poi procedere con l’apertura tramite un flessibile. All’interno, come in seguito ha detto lo sconsolato parroco don Nicola Ghitti, c’erano circa 4 mila euro. Era il denaro derivante dalle iscrizioni al grest, ma anche del ricavato di una festa di pochi giorni prima in oratorio e anche di quanti avevano versato le quote del Csi in vista della nuova stagione sportiva. I ladri non hanno lasciato nulla al caso, tanto anche da raggiungere la saletta dove si trova il computer in cui vengono salvate le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza di cui è attrezzato l’oratorio: di questo non c’è più traccia, asportato dagli stessi malviventi.

Che il centro di aggregazione fosse stato colpito si è accorto ieri mattina, domenica, un volontario che doveva effettuare una serie di lavori. L’episodio è stato segnalato ai carabinieri della stazione di Iseo che hanno ricostruito il colpo e sono sulle tracce dei malviventi, probabilmente del posto visto che conoscevano ogni dettaglio dell’oratorio. Lo stesso centro giovanile era già stato colpito in passato, tanto che l’anno scorso, nel 2020, era stata anche rubata l’auto del parroco don Ghitti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.