Quantcast

Palazzolo, rapine armate di coltello in pochi giorni: indagini in corso

Diversi episodi denunciati dall'inizio del mese ai carabinieri e alla Polizia locale. Forse a colpire è la stessa persona.

(red.) Dai giorni precedenti a sabato 12 giugno gli agenti bresciani della Polizia locale di Palazzolo e i carabinieri della stessa stazione stanno indagando su una spirale di rapine avvenute dall’inizio del mese in zone defilate del paese franciacortino. In alcuni casi i colpi sono andati a segno, mentre in altri sono stati solo tentati. E la sensazione è che dietro questi colpi ci sia almeno una stessa persona, sempre armata di un coltello. E in seguito a questi episodi sono fioccate le denunce da parte delle vittime.

La prima azione è andata in scena nel pomeriggio dell’1 giugno al parco Metelli quando un ragazzo di 18 anni in sella alla sua bicicletta da 3 mila euro è stato avvicinato da un malvivente con il volto travisato da un cappello e dalla mascherina calata sul volto. E di fronte allo spuntare del coltello, il ciclista ha lasciato la propria due ruote al rapinatore per poi fuggire a piedi. Solo tentata, invece, è stata la seconda rapina avvenuta il 3 giugno, intorno all’ora di cena, nei confronti di un italiano di origine straniera in via Bissolotti. Ma in quel caso sono giunti i militari e così il ladro è fuggito.

In un’altra circostanza, l’8 giugno in via Sgrazzutti, non lontano dal parco Metelli, un 21enne è finito nel mirino mentre stava andando a trovare gli amici. Si è trovato di fronte un rapinatore armato di coltello e al quale ha dato il proprio portafogli prima di cercare di scappare. Ma visto il ridotto contenuto, lo stesso malvivente ha inseguito la vittima facendosi consegnare l’orologio. Infine, il giorno dopo, il 9 giugno di sera, in via Lagorio quattro amici sono stati bloccati da due uomini, anche in questo caso armati di coltello, facendosi consegnare da uno di loro una catenina d’oro. Su tutti questi episodi stanno indagando le forze dell’ordine, anche attraverso le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.