Quantcast

Lago d’Iseo sicuro in estate, accordo tra autorità di bacino e soccorritori

Ogni weekend fino a settembre garantita l'assistenza ai bagnanti e turisti. Anche defibrillatore sulle moto d'acqua.

(red.) Nelle ore precedenti a mercoledì 2 giugno è stato sottoscritto il protocollo d’intesa tra l’Autorità di Bacino Lacuale dei laghi d’Iseo, Endine e Moro e le associazioni del 118 Croce Rossa e Camunia Soccorso per la sicurezza del Sebino durante l’estate, in assistenza ai bagnanti e turisti. Garantiranno la propria presenza nei fine settimana e in tutta la settimana a cavallo del ferragosto. “Sono due associazioni importanti – ha detto Alessio Rinaldi, presidente dell’Autorità di Bacino – preparate e attive da tempo sul territorio e per questo garanzia di qualità e sicurezza”. Il servizio partirà a breve con l’impiego dei volontari fino a settembre.

“Ci saremo ogni fine settimana, dal venerdì alla domenica – ha aggiunto Rinaldi – dalle 10 fino al tardo pomeriggio. La Croce Rossa collabora con noi già da tempo, mentre la Camunia Soccorso è una new entry”. “La novità di quest’anno – ha detto invece Raffaello Colombo, presidente di Camunia Soccorso – è la possibilità di utilizzo della moto d’acqua anche durante la settimana, allestita come mezzo BLSD, ovvero con il defibrillatore a bordo. Questo permette di ottimizzare i tempi in caso di arresto cardio-circolatorio. Opereremo con personale sanitario con corso di soccorritore esecutore di 120 ore, personale sommozzatori operatori di salvamento e bagnini. Saremo itineranti e faremo formazione e informazione anche all’interno di campeggi, nei pressi delle spiagge pubbliche”.

“Il pattugliamento costante e continuo – ha detto Leonardo Bonzi, referente per la Croce Rossa del servizio OPSA di stanza a Predore, nella bergamasca – permetterà di garantire un intervento veloce e tempestivo. L’obiettivo è quello di prevenire incidenti e infortuni. I nostri operatori sono comunque preparati al soccorso sanitario, sia in acqua che a terra. Gestiremo il servizio con due idroambulanze ed equipaggi composti da quattro soccorritori, di cui uno farà da comandante di unità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.