Quantcast

Coronavirus a scuola, insegnante positivo. Chiusa una media a Iseo

Succede al plesso del "Rita Levi Montalcini": 263 studenti costretti alla quarantena e alle lezioni a distanza.

(red.) In provincia di Brescia, arriva da Iseo il caso più eclatante di un’intera scuola che è stata chiusa e inducendo di nuovo gli studenti a tornare alla didattica a distanza a causa della presenza di un caso positivo al Covid-19. In particolare, si tratta di un insegnante della scuola media “Rita Levi Montalcini” che però è a contatto con gli studenti di dieci classi nel plesso di via Pusterla. Per questo motivo i 263 studenti sono stati posti in quarantena e dovranno seguire le lezioni a distanza.

La decisione è stata presa di comune accordo tra l’Ats di Brescia e il Comune iseano guidato dal sindaco Marco Ghitti. Precisando anche che non si è verificato alcun focolaio, visto che tra gli studenti al momento nessuno presenta sintomi riconducibili al contagio. Di certo è una brutta sorpresa per gli studenti che da poche settimane erano potuti rientrare a fare lezione in presenza.

Tra l’altro, già nel corso delle precedenti ondate si era resa necessaria la chiusura di alcune classi, ma non di un intero istituto come in questo caso. Ora tutti gli studenti, al termine della quarantena, dovranno sottoporsi al monitoraggio attraverso i tamponi. Una soluzione “in casa” è la postazione di drive-through presente nel parcheggio del centro Sassabanek e aperta dalle 8 alle 12 dal lunedì al sabato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.