Quantcast

Coronavirus, Sulzano e Rezzato danno l’addio ai loro alpini Enzo e Domenico

Enzo Serioli dal 1976 guidava le penne nere di Sulzano. Domenico Zani era attivo tra quelle di Rezzato.

(red.) Questo periodo di emergenza sanitaria da nuovo coronavirus che si continua a combattere anche all’interno degli ospedali ha inflitto un duro colpo anche ai gruppi alpini bresciani. Enzo Serioli, capogruppo delle penne nere di Sulzano dal 1976, è morto mentre era ricoverato all’ospedale di Ome e a pochi mesi di distanza dal decesso della moglie.

L’alpino era molto conosciuto e attivo nel tessuto sebino per quanto aveva condotto anche attraverso le attività degli alpini. L’uomo lascia il figlio, la nuora e i nipoti, mentre il suo funerale non è stato ancora fissato. L’altro alpino che purtroppo ha perso la vita dopo essere stato ricoverato per Covid in ospedale a Bergamo è Domenico Zani, di 71 anni, di Rezzato.

Residente nella frazione di San Carlo dove era molto noto per le sue attività anche a livello di parrocchia, lascia la moglie, anche lei alle prese con il Covid, e i figli. La sua salma arriverà oggi, lunedì 12 aprile, dall’ospedale di Bergamo verso la casa del commiato La Cattolica in vista dell’ultimo saluto di domani, martedì 13, alle 14,30 nella chiesa di San Carlo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.