Quantcast

Lago d’Iseo, alla Riserva Torbiere rubate reti per pescare pesci siluro

Negli ultimi giorni sono sparite 8 delle nove reti nel sito naturalistico. Un danno all'ambiente, ma anche economico.

(red.) I pesci siluro che popolano il lago d’Iseo prendono di mira le specie autoctone tra tinche e lucci. Per questo motivo alla Riserva delle Torbiere ogni anno i pescatori professionisti si occupano di pescare questi siluri per salvaguardare le altre specie. E per farlo usano delle reti particolari. Ma nei giorni precedenti a mercoledì 10 marzo proprio questi tramagli sono stati rubati.

In particolare, sono sparite otto delle nuove reti per un totale di 350 metri. Un danno non solo alla specie che viene divorata dai siluri, ma anche economici visto che ogni rete costa un centinaio di euro. Gli stessi professionisti saranno dotati di nuove reti, mentre nel 2021 si prevede un’ampia campagna di raccolta dei pesci siluri, visto l’accoglimento della Regione Lombardia di estendere l’attività per tutto l’anno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.