Pontoglio, lancio di sassi contro l’auto. Si indaga su un debito di droga

I carabinieri stanno cercando di ricostruire i contorni di un fatto che è accaduto nei giorni scorsi.

(red.) I carabinieri bresciani del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Chiari stanno ricostruendo i contorni di un fatto accaduto nei giorni precedenti a mercoledì 20 gennaio a Pontoglio. Proprio ai militari si è rivolto un tunisino dicendo di aver sorpreso un connazionale che stava colpendo la sua auto con un lancio di pietre provocando diversi danni.

Nel momento in cui si è avvicinato all’autore, questo gli avrebbe puntato una pistola e minacciato per chiedergli denaro. Il tunisino vittima non ha potuto fare altro che denunciare il caso ai carabinieri raggiungendo l’abitazione di quello che lo aveva minacciato.

Sembra che i due facciano parte di un giro di sostanze stupefacenti, mentre nella casa dell’uomo che lanciava pietre – poi arrestato – sono stati trovati diversi cellulari e uno storditore elettrico. Si sta cercando di capire se quell’azione di danneggiamento e tentata estorsione siano legate a un debito di droga.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.