Quantcast

Iseo, centinaia di uccelli morti per un focolaio di salmonella

Le analisi dell'istituto Zooprofilattico hanno accertato la presenza dell'agente che non è pericoloso per l'uomo.

(red.) L’ultima segnalazione risaliva allo scorso 30 novembre quando alcuni cittadini residente a Cremignane di Iseo hanno notato la presenza di diversi uccelli morti. Una situazione che ha interessato giardini privati e strade e per centinaia di esemplari nell’arco delle ultime settimane.

Per questo motivo, dopo aver dato notizia al Comune, la Polizia locale si è mossa per raccogliere le carcasse e portate all’istituto Zooprofilattico di Brescia per capire la causa di quella morìa. E le analisi hanno parlato di salmonella, che non è pericolosa per l’uomo. E’ dal 2018 che si verificano casi del genere sempre tra la fine di novembre e i primi di dicembre in Franciacorta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.