Adro, stalker terrorizza a casa l’ex compagna. Scattano le manette

Un 35enne ha cercato di ricomporre il rapporto burrascoso con la ex 38enne. Ma ha superato ogni limite.

(red.) Nelle ore precedenti a sabato 21 novembre un uomo di 35 anni è stato arrestato da parte dei carabinieri dopo il comportamento delirante nei confronti dell’ex compagna 38enne. I due, che vivevano insieme ai figli di lei avuti da una precedente relazione e in una villetta ad Adro, nel bresciano, erano arrivati spesso a litigare. Per quel motivo l’uomo se n’era andato di casa.

Ma in seguito, forse per cercare di ricomporre il rapporto, ha tempestato la ex di chiamate e messaggi. Un vero e proprio atteggiamento da stalker amplificato nel momento in cui ha raggiunto l’abitazione con l’intento di rientrare. La donna con i figli si era chiusa in casa mentre l’ex compagno suonava al campanello per poi mollare calci e pugni alla porta d’ingresso.

A quel punto la vittima ha chiamato i carabinieri e ha fatto entrare l’uomo per cercare di calmarlo. Ma l’uomo si è poi scagliato contro uno dei militari di Chiari e Ospitaletto giunti sul posto. Per lui sono scattate le manette con le accuse di minacce, danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. Ieri, venerdì 20 novembre, è arrivata anche la convalida.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.