Cologne, ragazzi vandali contro i lampioni: uno di loro chiede scusa

In una sera prima del nuovo lockdown un trio ha agito, scoprendo solo dopo di essere ripreso dalle telecamere.

(red.) Nei giorni precedenti a lunedì 9 novembre il parco urbano di Cologne, nella bassa Franciacorta, nel bresciano, è finito nel mirino di alcuni giovani che si sono trasformati in veri e propri vandali. E’ accaduto poco prima che entrasse in vigore il nuovo decreto del presidente del Consiglio e soprattutto le nuove misure del lockdown, seppure più soft.

In una sera due ragazzini di 16 anni e un 18enne, tutti italiani e residenti in paese, si sono scagliati contro l’impianto di illuminazione, tanto da “divertirsi” con alcuni elementi dell’arredo. Ma è stato in quel momento che hanno notato le telecamere di videosorveglianza mostrando segni inequivocabili del proprio disprezzo.

Tutti identificati proprio attraverso quegli occhi elettronici, sono stati chiamati al comando della Polizia locale, ma hanno evitato le sanzioni. Uno di loro, l’unico maggiorenne, ha poi deciso di scrivere una lettera di scuse per quanto commesso nell’area verde.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.