Il retificio Far cresce anche grazie al comparto agricolo

(red.) Cresce, nonostante la grave situazione sanitaria che ha travolto l’Italia e il mondo intero, la produzione di reti per agricoltura del retificio FAR. Per il 2020 infatti, il valore del comparto agricolo dell’azienda di Provaglio d’Iseo tocca il milione di euro, pari al 17% del fatturato totale. Di questo il settore venatorio, che si divide tra un 40% di export e un 60% di mercato italiano, registra un +15% rispetto al 2019, la vendita di teli e teloni su misura, usati anche in campo agricolo, segna + 16% rispetto all’anno precedente.

 

Numeri che nascono dalla passione e della tradizione portata avanti da oltre 70 anni dalla famiglia Ribola, in Franciacorta, unita alle migliori materie prime e ai macchinari più moderni. Un saper fare, eccellenza del territorio, riconosciuto anche dall’assessore di Regione Lombardia, Alessandro Mattinzoli, responsabile dello Sviluppo Economico, che ieri, giovedì 22 ottobre, è stato ospite della famiglia Ribola proprio nella sede del retificio a Provaglio d’Iseo. Mattinzoli ha infatti visitato in mattinata diverse realtà agricole del lago d’Iseo e della Franciacorta per fare il punto della situazione tra cui anche la Fabbrica Artigianale Reti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.