Cellatica, avevano inquinato un campo prima del lockdown: due nei guai

Alla fine di febbraio erano stati sorpresi dalle telecamere mentre scaricavano rifiuti pericolosi di ogni tipo.

(red.) I fatti risalgono a mesi fa, alla fine di febbraio, ma i primi risultati si stanno vedendo in queste ore intorno a venerdì 16 ottobre. A Cellatica, in Franciacorta, nel bresciano, due aziende e i loro titolari sono finiti nei guai con le accuse di scarico illecito di rifiuti pericolosi e danneggiamento. Gli agenti della Polizia locale che si sono occupati dell’indagine non hanno impiegato troppo tempo o mezzi per accertare la situazione.

Infatti, dalle telecamere di sorveglianza poste su quel campo di proprietà comunale è emerso come due individui a bordo di altrettanti mezzi avessero raggiunto quell’area. L’intera azione, dal momento in cui i due avevano tagliato il lucchetto d’ingresso allo spazio, per poi scaricare sul posto del materiale e quindi tornare indietro, era stata ripresa.

Tutto il materiale fotografico ha raggiunto anche il gruppo reati ambientali della procura di Brescia e l’Arpa e ora il caso è al vaglio del pubblico ministero. Nel momento di verificare cosa era stato smaltito sul posto, si erano scoperti olii, sostanze chimiche e idrocarburi. L’intero spazio era stato messo in sicurezza e ora attende di essere dissequestrato e bonificato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.