Quantcast

Paratico, spari all’ex collega: aggressore ha tentato di fuggire

I carabinieri hanno trovato uno zaino che il giovane portava: all'interno gli orari dei treni dalle stazioni vicine.

(red.) Nelle ore precedenti a giovedì 1 ottobre è stato dimesso dall’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo il 38enne Simone Martinelli che venerdì scorso 25 settembre venne ferito a colpi d’arma da fuoco all’interno dell’azienda Colombo&C. di via Vanzago a Paratico, nel bresciano. Ma nel frattempo stanno emergendo altri particolari a proposito dell’aggressore 22enne Michele Rinaldi di Villongo. Attualmente il giovane resta ancora ricoverato in psichiatria in attesa di essere condotto in carcere come disposto dal giudice.

I carabinieri che continuano a indagare hanno scoperto che quella mattina dell’aggressione il 22enne portava con sé in auto anche uno zainetto e con all’interno dei fogli riportanti gli orari dei treni di partenza dalle stazioni vicine, così come un fischietto e una bussola.

La sensazione è che il 22enne volesse darsi alla fuga dopo quel colpo e rendersi latitante, ma il fatto di non aver ucciso e solo ferito l’ex collega, con il quale aveva avuto una lite di lavoro in passato, potrebbe aver cambiato i suoi piani. E da altri elementi è anche emerso che il giovane fosse intenzionato a colpire anche un’altra persona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.