Quantcast

Paratico, operaio aggredito da ex collega: si indaga sui dissidi di lavoro

Interrogato in caserma ieri sera il 22enne prelevato dalla sua casa di Villongo e ritenuto l'autore dei colpi.

(red.) Potrebbero esserci dei dissidi per motivi di lavoro nell’aggressione a mano armata avvenuta ieri mattina, venerdì 25 settembre, all’ingresso della fabbrica Colombo&C. di via Vanzago a Paratico, nel bresciano. E proprio per questi presunti scontri e liti già ieri sera è stato interrogato nella caserma di Chiari il 22enne, ex collega del ferito 38enne, prelevato nella propria abitazione di Villongo e ritenuto l’autore dei colpi di pistola esplosi e anche di quello inferto con la canna dell’arma.

Intanto l’addetto si trova ricoverato all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove è stato raggiunto dai militari ai quali ha detto di non aver riconosciuto il suo aggressore. Secondo la dinamica dei fatti, l’operaio intorno alle 8 aveva appena raggiunto l’ingresso dello stabilimento senza sapere di essere seguito. Alle sue spalle c’era, secondo gli inquirenti, il 22enne ex collega che, con il volto coperto, ha esploso sette colpi di pistola e di cui due andati a segno ferendo l’operaio alle mani.

Poi lo avrebbe raggiunto colpendolo con l’arma e infine sarebbe scappato a bordo di una Lancia Ypsilon scura. Le immagini riprese dalle telecamere e i portali di lettura delle targhe hanno scoperto quel veicolo che però portava una targa contraffatta. I successivi rilievi hanno comunque permesso di risalire a lui, poi portato in caserma dove è stato interrogato. Comprensibile la paura dei colleghi dell’operaio ferito e che per primi lo hanno soccorso. Poi sono stati fatti mandare a casa. Ora si attendono di capire le conseguenze investigative sul fermo e i motivi che hanno portato all’aggressione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.