Chi sta decimando i gatti della Franciacorta?

Moria di felini a Provaglio d'Iseo, Ospitaletto, Rodengo Saiano e Cologne. Qualcuno mette trappole e bocconi avvelenati.

(red.) La domanda che gli animalisti della Franciacorta si pongono è se ci sia una regia. Sono infatti troppi i casi in cui esche avvelenate, colpi d’arma, lacci metallici hanno decimato i gatti della zona.
Si lamentano i proprietari di felini di Provaglio d’Iseo, dove secondo informazioni raccolte dai giornalisti sarebbero state piazzate in un parco pubblico delle trappole di filo metallico studiate per accalappiare i gatti e strozzarli: avrebbero già provocato almeno quattro vittime.
A Ospitaletto qualcuno ha sparato con fucili a pallini contro i felini, con tre morti. Armi ad aria compressa anche a Rodengo Saiano, dove una gattina è stata accecata.
La situazione più grave sarebbe però a Cologne, dove si parla di una vera e propria strategia per la decimazione dei felini con esche avvelenate piazzate attorno alle abitazioni che, stando alle informazioni raccolte, finora avrebbero addirittura già provocato la morte di 15 gatti domestici.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.