Corte Franca, “positivo il nuovo polo per la sicurezza”

(red.) “Nei giorni scorsi, ho incontrato il Commissario Straordinario del Comune di Corte Franca, il vice Prefetto di Brescia Bortone, che mi ha illustrato un progetto tanto ambizioso quanto importante: una nuova sede della Polizia Locale e della Protezione Civile adeguata alle loro esigenze”. Afferma così l’ex vice Sindaco di Milano ed assessore regionale alla sicurezza, immigrazione e polizia locale, Riccardo De Corato in merito al progetto del Comune di Corte Franca, per la realizzazione di un Polo per la Sicurezza.

“Si tratta di un’opera decisamente utile. Da anni, infatti, la Polizia Locale condivide gli spazi con altri uffici amministrativi del Comune, mentre la Protezione Civile occupa un appartamento assolutamente inadeguato rispetto alle sue esigenze.
Questo progetto prevede la realizzazione di un edificio, costruito mediante moduli prefabbricati, sufficientemente ampio da porte ospitare le attività delle due realtà in questione ed i loro mezzi. Inoltre, la struttura sarà completata con un’aula di formazione e con un percorso all’esterno dedicato alla formazione dei più giovani alla guida nel rispetto del codice della strada.

Con questo progetto si creerà un vero e proprio Polo per la Sicurezza, in grado di costituire un esempio positivo per l’intero territorio della Franciacorta ed utile anche ai comuni attigui.

Personalmente apprezzo molto questo progetto. Ritengo infatti che il potenziamento delle dotazioni tecnico-strumentali della Polizia Locale e delle relative strutture siano la strada migliore per garantire sempre più elevati standard di sicurezza sul territorio. A tal proposito- conclude De Corato- sono stati stanziati da Regione Lombardia per il prossimo anno 5 milioni e mezzo di euro per il bando per le dotazioni tecnico-strumentali per i vigili, ai quali anche questo comune potrà partecipare!”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.