Sale Marasino, multa dopo pipì sul muro: paese si mobilita

Si stanno raccogliendo fondi per dare alla famiglia dell'invalido sanzionato gli oltre 3 mila euro della multa.

(red.) Nei giorni precedenti a lunedì 18 maggio ha fatto molto discutere la sanzione da 3.333 euro emessa da una pattuglia dei carabinieri ai danni di un 69enne invalido civile residente a Sale Marasino, nel bresciano. L’uomo, costretto a muoversi con una protesi al posto di una gamba, era uscito di casa per recarsi all’ufficio postale. Ma un bisogno impellente aveva indotto l’uomo a fare pipì contro un muro nelle vicinanze, in via Mazzini.

Spinto anche dal fatto che i servizi igienici dell’ufficio erano chiusi, così come i locali vicini, chiusi a causa del lockdown. Ma per lui i militari erano stati intransigenti. Quindi era scattata la sanzione, poi pagata dai familiari visto che l’uomo si sostiene solo con un pensione minima. Ora in paese è stata però avviata una raccolta fondi da parte dei cittadini per rimborsare quella quota alla famiglia. Per molti quella sanzione è stata ritenuta eccessiva, considerando anche il contesto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.