Sale Marasino, invalido fa i bisogni sul muro: sanzionato

La vicenda risale allo scorso aprile. Il 69enne dopo l'ufficio postale non aveva trovato servizi igienici in zona.

(red.) Potrebbe far discutere quanto avvenuto lo scorso 21 aprile a Sale Marasino, sulla sponda bresciana del lago d’Iseo, ma di cui si ha notizia a quasi un mese di distanza e riportata dal Giornale di Brescia. Un uomo di 69 anni, residente nella frazione Riva, disoccupato e invalido civile per aver perso una gamba in un incidente ferroviario negli anni ’70, si era recato all’ufficio postale del paese. Ma nel momento di uscire, ha avvertito il bisogno di andare in bagno.

Peccato che i bar, durante il lockdown, fossero chiusi, così come chiuso era il bagno dell’ufficio postale. A quel punto l’uomo, pensando che fosse troppo tardi tornare a casa, ha pensato di fare pipì su un muro. Ma proprio in quel momento stava transitando una pattuglia dei carabinieri che lo ha fermato.

L’uomo ha spiegato i suoi motivi, con tanto di certificazione di inabilità, un assegno da invalido di 500 euro al mese e il fatto che i servizi igienici in zona fossero chiusi. Ma i militari sono rimasti inflessibili e gli hanno dato una sanzione di 3.333 euro con l’accusa di atti contrari alla pubblica decenza. L’uomo avrà due mesi di tempo per pagarla, altrimenti la cifra potrebbe aumentare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.