Paratico e Passirano, allarme per bocconi al veleno

Tra lunedì e ieri tre cani avvelenati, di cui uno non è sopravvissuto. Allarme in vista della riapertura dei parchi.

(red.) Tra il lago d’Iseo e la Franciacorta, nel bresciano, è allarme per la presenza di numerose esche e bocconi di carne avvelenati. Ne dà notizia Bresciaoggi a proposito del fatto che negli ultimi due giorni, tra lunedì 27 e ieri, martedì 28 aprile, sono stati notati tre cani colpiti e di cui uno deceduto nonostante l’intervento di un veterinario.

L’allarme è stato lanciato dal territorio compreso tra Paratico e Passirano e aumenta in vista del fatto che da lunedì 4 maggio, salvo disposizioni comunali, le aree verdi potranno di nuovo riaprire. Ma proprio in questi spazi sono stati trovati bocconi con lumachicida. Lunedì il ritrovamento è avvenuto a Passirano dove c’erano una decina di pezzi di carne intrisi di metaldeide e due cani intossicati, ma che ce l’hanno fatta.

Altre esche killer sono spuntate a Monterotondo e tutti i pezzi sono stati consegnati dalla Polizia Locale all’Ats per esaminarli. A Paratico, invece, un cane non è sopravvissuto. Nelle due situazioni sono state presentate altrettante denunce contro ignoti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.