Rovato, tre finti operatori Enel tentano truffe. Fermati da Polizia

Gli agenti della Locale li hanno bloccati dopo l'ultimo tentativo di raggiro. C'erano andati vicino con un'anziana.

(red.) In un momento in cui le strade sono deserte e si stanno rispettando gli inviti a restare a casa per questo periodo di emergenza dal virus, tre individui che nei giorni precedenti a sabato 14 marzo suonavano campanelli e si muovevano porta a porta a Rovato, in Franciacorta, nel bresciano, hanno destato sospetti. A segnalarli alla Polizia Locale sono stati alcuni residenti di corso Bonomelli.

Erano tre giovani – due ragazzi e una ragazza 20enni – distinti e dall’accento bresciano che si muovevano tra le abitazioni qualificandosi come operatori dell’Enel per controllare i contatori e chiedendo denaro. Gli agenti della municipale si sono mossi e li hanno sorpresi mentre stavano uscendo dalla casa di un’anziana a rischio di restare vittima del raggiro.

Al momento dell’arrivo degli operatori, due dei truffatori erano alla base della palazzina e uno ha cercato di fuggire. Ma entrambi sono stati fermati e uno di loro denunciato per tentata truffa. La ragazza, invece, stava per sottoporre un contratto all’anziana residente, ma è stata bloccata in tempo e anche per lei è scattata una denuncia a piede libero.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.