Coronavirus, mascherine bloccate dallo sciopero. Arrivano i Cc

Ieri il prefetto ha inviato alla Sda le forze dell'ordine che hanno caricato i presidi e consegnati in ospedale.

(red.) Nel pieno di un’emergenza sanitaria senza precedenti succede anche questo: mascherine e presidi sanitari ostaggio di uno sciopero del personale di consegna della merce. E’ successo ieri, martedì 10 marzo, quando dalla direzione dell’Asst della Franciacorta hanno chiesto con insistenza che fine avessero fatto quegli scatoloni indispensabili per i pazienti malati da coronavirus. Nel momento in cui la risposta è stata quella di un’astensione decisa senza motivo e forse per il contratto di lavoro dei dipendenti, subito è giunta una chiamata al prefetto di Brescia Attilio Visconti.

E si è attivata la macchina delle forze dell’ordine con i carabinieri che hanno raggiunto la sede della Sda a Brescia aprendo i cancelli e caricando sui propri mezzi quei presidi sanitari fondamentali. Poi hanno scortato quel materiale verso l’ospedale Mellini di Chiari. All’interno di quei pacchi c’erano le mascherine per i pazienti e il personale della struttura sanitaria, così come per il Civile e la Poliambulanza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.