Iseo, testata alla compagna. 31enne violento finisce in carcere

Giovedì una 28enne si è rifugiata in un bar del centro dopo essere stata picchiata dal compagno troppo geloso.

(red.) E’ l’ennesimo caso in cui viene attivato il Codice Rosso in provincia di Brescia. E’ successo nel primo pomeriggio di giovedì 5 marzo a Iseo dove una ragazza di 28 anni, ferita al volto, si è rifugiata in un bar all’angolo tra piazza Garibaldi e largo Zanardelli, nel cuore del centro storico. Nel momento in cui i clienti e il titolare hanno visto la donna in preda allo shock, hanno allertato i soccorsi e anche i carabinieri.

E come esito finale chi l’aveva aggredita, il suo compagno 31enne, è stato arrestato, mentre lei è stata medicata e poi dimessa. Sembra che quel rapporto andasse avanti da tempo all’insegna delle violenze e dei soprusi da parte dell’uomo violento contro la donna e forse per una situazione di gelosia. E lei, per timore, aveva sempre sopportato e mai denunciato quegli atteggiamenti.

Ma giovedì è scattato qualcosa quando la ragazza, forse colpita al naso da una testata, è fuggita rifugiandosi nel locale. I sanitari le hanno diagnosticato una frattura al setto nasale e un trauma facciale e incassando una prognosi di 25 giorni. L’uomo, raggiunto pochi minuti dopo, è finito in manette e condotto in caserma dai carabinieri. Accusato di lesioni gravi, stalking e maltrattamenti, è stato condotto nel carcere di Canton Mombello a Brescia e a disposizione del magistrato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.