Palazzolo, si arrampica e cade dal terrazzo dopo un incidente

Sabato sera un 32enne ha avuto un raptus che lo ha fatto precipitare. E' grave in ospedale. Forse alcol o droga.

(red.) Minuti di vero e proprio delirio sono stati quelli vissuti nella tarda serata di sabato 8 febbraio a Palazzolo, nel bresciano, a causa di un 32enne del paese che ha seminato il panico percorrendo in auto le strade contromano e poi vagando alle prese con un raptus. I carabinieri hanno ricevuto una segnalazione intorno alle 23 proprio perché quella Lancia Y condotta dall’uomo si muoveva a zig zag creando pericoli nelle vie del centro storico del paese. E alla fine l’intera vicenda ha rischiato di terminare con una tragedia.

Il giovane palazzolese alla guida della sua vettura ha poi tagliato un incrocio senza dare la precedenza in via Levadello, all’altezza del locale “Life”, centrando una Mercedes con a bordo due ragazzi che stavano entrando proprio nel parcheggio del bar. Per fortuna sono rimasti illesi, mentre il 32enne ha abbandonato la vettura incidentata in mezzo alla strada correndo a piedi. Ha raggiunto via Adamello cercando di entrare in un’abitazione e allarmando una madre che in quel momento era con i suoi due figli piccoli.

In seguito, ancora alle prese con il delirio e continuando a gridare frasi sconnesse, si è arrampicato cercando di salire verso un terrazzo, ma ha perso la presa di una ringhiera. Quindi è volato per terra per circa tre metri riportando diverse ferite. Sul posto sono giunte tre pattuglie dei carabinieri e due ambulanze che hanno soccorso l’uomo, poi condotto all’ospedale Civile di Brescia dove si trova in terapia intensiva nel reparto di Neurochirurgia a causa di un trauma cranico.

E’ stato verificato che l’uomo non è in cura in alcuna struttura psichiatrica e ora i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di Chiari con quelli di Palazzolo stanno cercando di capire cosa lo abbia indotto a quella reazione. Forse l’assunzione di alcol o sostanze stupefacenti. Saranno sentiti anche i testimoni e familiari del 32enne.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.