Iseo, Mercato europeo nei giorni di Pasqua. Non tutti d’accordo

Le parrocchie e la Polizia Locale scrivono al Comune: ci sono anche possibili problemi di sicurezza per i turisti.

(red.) Dal prossimo 10 al 13 aprile a Iseo, nel bresciano, è in programma il Mercato Europeo con diverse bancarelle che metteranno in mostra i gusti di tutto il Continente. Ma in paese c’è chi storce il naso. Quale è il problema? Che quei giorni vanno dal Venerdì santo a lunedì di Pasquetta. Una situazione, quella di cui scrive Bresciaoggi, che ha spinto le parrocchie delle frazioni a chiedere all’amministrazione comunale la possibilità di spostare la fiera.

Su tutto, per esempio, c’è il fatto che il Venerdì santo, giorno che per la tradizione cristiana vuol dire stringersi nel lutto, potrebbe vedere in centro turisti e clienti che si divertono e gustano tra le bancarelle. Ma non è solo questione di religione. Anche la Polizia Locale segnala al Comune che in quei giorni ci saranno numerosi turisti che affollano il periodo pasquale nel centro del paese e verso Montisola.

Quindi, anche possibili problemi di sicurezza. Il sindaco Marco Ghitti, interpellato dal quotidiano, dice di aver contattato la Confcommercio e di sperare che l’organizzazione decida di rinviare ad altre date la rassegna. In ogni caso, c’è la volontà di lasciare il Venerdì santo come giorno di lutto cristiano, mentre stasera, giovedì 30 gennaio, è previsto un incontro con i commercianti su questo tema.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.