Passirano, fotocamera-multe al semaforo non sarà rimossa

Ieri il sindaco Inverardi ha ribadito che l'impianto (da riparare dopo l'atto vandalico) resterà al suo posto.

(red.) Agli automobilisti che nei giorni successivi a sabato 18 gennaio – al momento l’impianto deve essere ancora riparato – si troveranno a percorrere la zona di Camignone a Passirano, in Franciacorta, nel bresciano, non potranno fare altro che mettersi l’anima in pace e rispettare il Codice della Strada. Infatti, la tanto contestata fotocamera piazzata a pochi metri dall’incrocio regolato dal semaforo verso la Sebina e la provinciale di Ome e Monticelli Brusati non sarà rimossa. Lo ha ribadito ieri, venerdì 17 gennaio, il sindaco Francesco Inverardi che ha tenuto un punto stampa sulla questione. Un incontro deciso anche dopo l’atto vandalico commesso da qualcuno e che ha mandato fuori uso l’impianto.

L’azione violenta, tra l’altro, con il taglio dei cavi e cemento nel pozzetto, non si è consumata un paio di giorni fa come si pensava, ma addirittura venerdì scorso 10 gennaio. Le ultime immagini riprese dal dispositivo risalgono, infatti, a quella serata. Dal momento dell’installazione, alla fine di novembre, sono state emesse 500 mila euro di multe agli automobilisti, pari a 80 al giorno. Ma il primo cittadino, al quale il prefetto di Brescia Attilio Visconti si era rivolto per affrontare la situazione, ha deciso di proseguire per la sua strada e quindi la fotocamera resterà lì.

Ora sarà necessario qualche giorno di tempo per provvedere alla riparazione dopo l’atto vandalico che ha indotto il Comune a presentare una denuncia a carico di ignoti. E lo stesso sindaco ha però anche voluto smontare il caos intorno a decine di automobilisti infuriati. Confermando il fatto che quell’incrocio sia pericoloso, in realtà sarebbero stati presentati al momento solo un paio di ricorsi e chiesto l’annullamento di alcuni verbali.

Ma la maggior parte dei conducenti sanzionati avrebbero già pagato la multa. Ieri, in occasione del punto stampa, sono state mostrate anche alcune immagini di comportamenti pericolosi da parte degli automobilisti e il fatto che lo sconfinamento da una corsia a un’altra all’altezza del semaforo sia ritenuto da sorpasso azzardato e quindi punibile. Di conseguenza, agli automobilisti non resta che rispettare la misura, pena altre multe dalla fotocamera.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.