Palazzolo, gli chiedono rinnovo alla CdC. Ma è morto da 35 anni

Giovanni Gandini ha ricevuto una missiva con richiesta dalla Camera di Commercio. Ma lui è morto nel 1985.

(red.) E’ una vicenda particolare quella che arriva dalla provincia di Brescia e di cui dà notizia Bresciaoggi. Un uomo ha ricevuto una lettera dalla Camera di Commercio per chiedere una foto più recente con cui rinnovare la tessera di riconoscimento all’ente nel 2020. Peccato che l’uomo, Giovanni Gandini, sia morto nel 1985.

Residente a Palazzolo, dopo essere stato addetto alla Marzoli aveva aperto una posizione in Camera di Commercio mettendosi alla guida dell’Automobile Club d’Italia del paese. E la missiva arrivata nei primi giorni di gennaio ha sorpreso i familiari che comprendono l’errore, anche se a 35 anni di distanza. Da via Einaudi, dopo aver appreso il misfatto, si sono scusati con la famiglia e hanno provveduto a rimuovere la posizione del socio defunto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.