Gussago, trovati altri bocconi avvelenati a Casaglio

A cavallo del Capodanno il titolare di un cane ha notato delle polpette sospette, poi segnalate alla Polizia.

(red.) E’ un allarme incessante e che non conosce soste quello dei bocconi avvelenati trovati in provincia di Brescia e con la volontà, da parte di chi li semina sul territorio, di sbarazzarsi degli animali. L’ultimo episodio più recente di questo genere si è presentato a cavallo del Capodanno, tra martedì 31 dicembre e mercoledì 1 gennaio, a Casaglio di Gussago, in Franciacorta.

Qualcuno, come dà notizia il Giornale di Brescia, che si stava muovendo con il proprio cane ha trovato delle polpette nei pressi della chiesa della frazione e subito ha notato come l’animale venisse attirato. Ma il suo titolare lo ha fermato in tempo e ha allertato la Polizia Locale segnalando quei bocconi. Gli agenti hanno recuperato quel materiale e fatto accertare, attraverso le analisi del caso, che quelle polpette fossero intrise di pesticidi e altre sostanze.

Per fortuna nessun animale è rimasto avvelenato e ora sarà presentata una denuncia contro ignoti. Quello dei bocconi “modificati” non è un elemento nuovo, visto che già lo scarso maggio si era presentato il problema. E per questo motivo sono stati di nuovo posti dei cartelli che invitano i proprietari di animali domestici a prestare attenzione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.