Ultras Brescia: cori contro la dea tra Sarnico e Paratico

Un gruppo di supporters biancoblu ha sfidato i rivali bergamaschi sul confine tra le due province sul lago d'Iseo.

(red.) Nella serata di venerdì 29 novembre, rende noto un comunicato stampa della Digos, una ottantina di ultras del gruppo “curva nord Brescia” si è recato al confine delle due province tra i comuni di Paratico e Sarnico, intonando cori contro i tifosi atalantini ed esplodendo diversi petardi.
La situazione è stata monitorata costantemente dal personale della Questura di Brescia, che ha fatto si che la provocazione posta in atto dai tifosi bresciani non sfociasse in pericoli per l’ordine e la sicurezza pubblica.

 

Questo episodio, spiegano gli agenti, costituisce un’ulteriore conferma che le misure adottate dall’Osservatorio Nazionale sulle manifestazioni sportive, in relazione alla partita tra Brescia e Atalanta, di far accedere allo stadio “Rigamonti” i soli tifosi della squadra bergamasca in possesso della “DEA Card”, sono state idonee e commisurate all’elevato livello di rischio della partita stessa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.