Floating Piers, anche tassisti nautici abusivi

Ogni giorno alcune barche senza autorizzazione propongono viaggi da Iseo e Sarnico fino a Montisola. I pezzi vanno anche fino ai 100 euro per gli stranieri.

Più informazioni su

(red.) Su certi punti della sponda bresciana del lago d’Iseo sembra di trovarsi nel piazzale di una delle tante stazioni ferroviarie italiane, soprattutto per la presenza di tassisti abusivi. Lo stesso fenomeno, di cui scrive il Giornale di Brescia, si verifica in prossimità della passerella di The Floating Piers, anche se si tratta delle imbarcazioni. La Guardia di Finanza che ha attivato un presidio sulla zona sta monitorando la situazione e sembra che più di una barca, senza alcuna autorizzazione a trasportare persone, si muova da porti di Iseo e Sarnico verso Sensole e Peschiera Maraglio, a Montisola.
Una soluzione che consente di arrivare al ponte senza dover fare la coda a Sulzano. Ma finchè a svolgere il servizio sono i traghetti della Navigazione Lago d’Iseo e quelli privati in regola, è un conto, mentre è un’altra questione se a farlo sono le barche senza licenze. Anche se spesso sono gli stessi turisti a chiedere di compiere quel tragitto pagando dai 10 ai 30 euro e gli stranieri anche fino a 100 euro. Un escamotage che consente ai proprietari delle imbarcazioni di guadagnare in modo illecito un gruzzoletto ogni giorno, rendendo però più trafficata la circolazione. In più, gli stessi turisti devono poi trovare un’altra soluzione per tornare indietro, non senza problemi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.