Ospitaletto, la “grande fuga” dei dipendenti comunali

Il gruppo di opposizione OspiLab rimarca i numerosi trasferimenti di personale dal Municipio, 23 dall'inizio della amministrazione Sarnico. Per il sindaco è una situazione generalizzata della PA, legata alla mancata riforma.

Ospitaletto. Cosa sta succedendo al Comune di Ospitaletto (Brescia)? Sono infatti 23 i dipendenti comunali che, dall’inizio dell’amministrazione guidata dal sindaco Giovanni Battista Sarnico, secondo quanto riferito dall’opposizione in Consiglio comunale, hanno chiesto il trasferimento. Gli ultimi due nella scorsa settimana.
Il gruppo di opposizione OspiLab (Laura Trecani ed Enrico Mandelli), come riferisce Il Giornale di Brescia,  ha lanciato l’allarme sui numerosi trasferimenti avvenuti al Municipio, evidenziando anche l’assenza di un segretario comunale stabile (presente solo parzialmente durante la settimana) e alla “fuga” di diversi consiglieri comunali.

Il gruppo di opposizione lamenta anche l’assenza di un vicesegretario e il continuo Turn over dei dipendenti, ascrivibile, secondo OspiLab ad una carenza di organizzazione ai vertici.
La replica del primo cittadino non ha tardato: per Sarnico si tratterebbe di una situazione generalizzata nella pubblica amministrazione, che necessita di una riforma e, anche, legata agli obiettivi del mandato amministrativo, in un paese da quasi 15mila cittadini, che richiedono un impegno oneroso.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.