Infortunio in cantiere a Ospitaletto, operaio si è lanciato dal cestello

Ricostruiti altri dettagli dell'infortunio avvenuto ieri mattina. L'operaio sottoposto a un intervento chirurgico.

(red.) Con il trascorrere delle ore, gli inquirenti sono riusciti a ricostruire altri dettagli del grave infortunio sul lavoro avvenuto ieri mattina, giovedì 19 novembre, a Ospitaletto, nel bresciano, ai danni di un operaio ucraino di 42 anni residente a Lovere. In via Falcone è presente un’area di lavoro per realizzare il nuovo centro logistico Zust Ambrosetti. Il 42enne si trovava all’interno del cestello di una piattaforma aerea e sembra che stesse dando indicazioni ai colleghi a terra.

A un certo punto uno dei pali prefabbricati e montato è crollato colpendo il braccio del cestello. L’operaio, per non rischiare di rimanere schiacciato, si è liberato dell’imbracatura e si è lanciato nel vuoto compiendo un volo di oltre dieci metri.

Così facendo ha però riportato lo stesso gravi ferite tanto da essere soccorso in elicottero e trasportato all’ospedale Civile di Brescia. Qui è stato sottoposto a un intervento chirurgico e attualmente si trova ricoverato in gravi condizioni in prognosi riservata in terapia intensiva. Sulla dinamica continuano a indagare i carabinieri della compagnia di Chiari con quelli della stazione locale e i tecnici dell’Ats.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.