Botticino, prima la rissa e poi un furgone in fiamme. Notte di follia

Mercoledì notte due stranieri hanno iniziato a litigare in un bar. Poi la situazione si è evoluta nel modo peggiore.

(red.) E’ stata una notte di follia quella di mercoledì 5 agosto a Botticino, nell’hinterland bresciano, nel momento in cui si è partiti dagli insulti tra due stranieri, fino ad arrivare persino a un furgone dato alle fiamme. Dell’accaduto dà notizia Bresciaoggi segnalando come l’intera azione sia partita all’interno di un bar di via Tito Speri. I due contendenti fanno parte di altrettante famiglie che da tempo sarebbero in lite. E davanti al bancone è giunta un’altra occasione, portando poi il titolare a farli uscire.

Ma dagli insulti e minacce si è scatenata una rissa, coinvolgendo anche gli amici dei due africani. Una situazione che ha indotto alcuni testimoni presenti ad allertare i carabinieri. Ma al momento dell’arrivo di una pattuglia, dei partecipanti alla rissa non c’era più traccia. E non era finita lì.

Nelle ore successive i vigili del fuoco sono stati chiamati a compiere un intervento di spegnimento delle fiamme a un furgone parcheggiato in un cortile di via Benedetto Marcello. Gli inquirenti hanno accertato che appartenesse a uno dei membri del gruppo in lite e accertata la presenza di liquido infiammabile. Probabilmente una vendetta per quanto accaduto poco prima.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.