Castel Mella, genitore di uno studente nel mirino per post nazi

Un rappresentante è finito nei mirino per i contenuti che posta sui social. E ha innescato il dibattito in paese.

(red.) A Castel Mella, nell’hinterland bresciano, è scoppiato un caso intorno a un rappresentante dei genitori della scuola elementare che spesso ha postato sui social network alcune foto inneggianti al nazismo e fascismo con tanto di svastiche e croci celtiche. E addirittura avrebbe immortalato il proprio figlio travestito da Hitler. Della vicenda ne dà notizia Bresciaoggi che riporta come uno degli altri genitori di una classe quarta, tra l’altro educatore, abbia deciso di segnalare quella persona ai carabinieri.

Potrebbe trattarsi di apologia di nazifascismo e del caso sono state avvertite anche varie associazioni antifasciste. Ma il destinatario finale è il dirigente scolastico al quale il segnalatore ha chiesto di prendere provvedimenti, al momento mai arrivati. Il caso è diventato anche politico, tanto da muovere una lista presente in Consiglio comunale.

Tuttavia, dal Comune fanno sapere che non possono fare nulla, visto che il rappresentante dei genitori non è un incarico pubblico, ma viene invece scelto dai genitori. A livello scolastico non sarebbero mai emersi nemmeno problemi sul conto di quel padre segnalato. Nel frattempo la situazione è in evoluzione per capire se e quali provvedimenti verranno presi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.