Elisa Visentin è “la perla del lago”: alla trentina la seconda edizione del Trofeo Sirmione

Dopo un week end intenso di incontri la 32enne ha battuto in finale Rubina De Ponti per 7-5 6-1. Successo di partecipanti e di pubblico per la edizione numero due del torneo.

Sirmione. Elisa Visentin non ha paura di fare gli straordinari. Sabato sera ha terminato intorno alle 20.30 la sua semifinale contro Gloria Ceschi al “Trofeo Sirmione – La perla del Lago di Garda”, eliminando la grande favorita del torneo dopo una battaglia di oltre tre ore.
Nemmeno il tempo di godersi il successo ed è partita subito alla volta di Milano, dove domenica mattina ha trascinato il suo Circolo Tennis Rovereto nella gara d’andata dei play-off di Serie B2, giocando (e vincendo) sia in singolare sia in doppio nel 4-0 contro l’Harbour Club. Ha finito il secondo match intorno alle 15, si è subito messa di nuovo in auto per tornare a Sirmione e alle 18.30 è scesa in campo per la finalissima sul Garda contro la sorpresa del torneo Rubina De Ponti.

Un autentico tour de force che però non le ha impedito di mettere le mani sul titolo dell’Open da 5.000 euro di montepremi della Polisportiva Sirmione, chiuso con un successo per 7-5 6-1. Una vittoria meritata per il gran bel tennis messo in mostra sin dal suo esordio di giovedì, con tante soluzioni e una varietà rara da trovare a livello femminile. Nella prima serata di domenica le è servita per sopperire a una palla meno pesante rispetto a quella della rivale, che invece si era meritata la finale incantando il pubblico con un mix fra potenza e solidità. Il livello mostrato 24 ore prima dalla riminese, nella semifinale dominata contro Valentina Lia, aveva messo in guardia tutti, invece la Visentin si è rivelata troppo forte, comandando la finale sin dalle prime battute, davanti a un folto pubblico.

Per la giocatrice trentina, classe 1999, l’unico momento di difficoltà è arrivato quando dal 5-3 del primo set si è lasciata riacciuffare sul 5-5, gettando alle ortiche un vantaggio conservato per buona parte del parziale. Ma in quella fase le è venuta in aiuto la rivale, che ha giocato un paio di game da dimenticare consegnandole un nuovo break e quindi il set, nel dodicesimo game. Nel secondo parziale, invece, non c’è stata storia: la Visentin è partita subito fortissimo e non ha mai alzato il piede dall’acceleratore, la rivale si è spazientita in fretta e non è riuscita ad andare oltre il 6-1 finale, che ha consegnato a Elisa il secondo titolo del 2022.

Oltre alla sua soddisfazione, resa più dolce dai tanti impegni del week-end, è grande anche quella degli organizzatori della Polisportiva Sirmione, che dopo due anni di stop (a causa della pandemia) hanno riproposto un torneo nato nel 2019 con grandi ambizioni, confermate da un’edizione di successo con quasi 60 giocatrici di seconda categoria, tanti incontri di qualità e un pubblico molto numeroso nelle fasi finali.

«Il bilancio – afferma Camillo Lombardini, direttore del torneo – è super positivo: siamo contentissimi di come è andata, sotto tutti i punti di vista. Abbiamo assistito a un torneo spettacolare e ricevuto tanti complimenti da parte delle giocatrici. La scelta di ridurre le partecipanti a 64 è stata azzeccata, perché ci ha permesso di dare la giusta importanza a tutte le sfide. Non vediamo l’ora di ripetere la manifestazione in futuro, magari facendo anche un pensiero al salto a livello internazionale. Ma è presto per parlarne: intanto ci godiamo questo successo, poi valuteremo come muoverci».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.