Quantcast

Gardone, centro anziani chiuso dopo il focolaio

La struttura di via Trieste era già stata chiusa alla notizia dei primi ammalati dopo una cena. Respinte al mittente le accuse di superficialità: "Regole rispettate".

(red.) Chiuso “sine die” il centro anziani “Trevisani Scarpetta” di via Trieste a Gardone Sopra, nel bresciano, dove si è verificato un focolaio di contagio da Covid19.  Una misura che il presidente del Comitato di gestione, Sergio Bonzanini, come riferisce Il Giornale di Brescia, aveva già applicato dalla scorsa settimana, una volta emersa la notizia di alcuni anziani che si erano ammalati durante una cena che si era svolta proprio nei locali del centro diurno.

Il responsabile della struttura respinge al mittente le accuse di superficialità nella gestione del centro, evidenziando che sono state messe in atto tutte le misure previste: dalla misurazione della temperatura, all’obbligo del green pass, alle misure igieniche adottate durante il pasto.
Trentasette le persone che hanno partecipato alla serata conviviale, tutti anziani vaccinati con due se non tre dosi, di cui una decina risultate poi positive al coronavirus. I commensali sono tutti frequentatori abituali del “Trevisani Scarpetta” e alla cena non erano presenti ospiti “esterni” alla struttura.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.